10-100-1000 Pomigliano/Mirafiori

dicembre 30, 2010

E’ di questi ultimi mesi la rottura interna alla trimurti sindacale – Cgil, Cisl e Uil – in particolar modo in ambito metalmeccanico, con la Fiom – che  di tutte è forse l’unica entità confederale con dei veri iscritti, cioè con dei lavoratori che vedono (vai a sapere perché, ma questo è un altro discorso…) […]

0

Una nuova generazione: famose da parte, please

dicembre 22, 2010

La crisi economica, la crisi politica, i nuovi movimenti. Qualcosa di nuovo, speriamo…

1

Attivissimo spara sulla “bufala pensioni” , ACTA smonta Attivissimo

ottobre 27, 2010

Il più noto cacciabufale della rete italiana, Paolo Attivissimo, corre il rischio di tutti i tuttologi: mettersi a parlare di cose su cui non è ferrato, rischiando al figuraccia. Rischio corso, figuraccia arrivata, come doveva dimostrarsi.

0

Il Patriottismo di meno diritti e bassi salari

ottobre 26, 2010

Piccola premessa. Questo è l’ennesimo scritto di Pietro Ancona che 0spitiamo. Le sue osservazioni ci sembrano molto pregnanti e spiegano con chiarezza le relazioni che intercorrono fra il maggiore (e peggiore) partito di opposizione, il pd, e il maggiore sindacato italiano, la cgil. Con altettanta chiarezza sono esplicitati i rapporti (di forza) fra quest’ultima e la Fiom. Bisogna discernere per capire ed è necessario comprendere per scegliere. Noi abbiamo scelto un punto di vista “precario” (certo, siamo precari/e…) e pensiamo che se non si crea conflitto nei luoghi (e nelle generazioni) ove la precarietà è nata e si è diffusa ogni risposta sarà parziale e farà il gioco di questa o quell’altra organizzazione. Altro che interesse generale! Un conflitto nuovo, radicale, giovane ed incisivo è cosa buona, giusta, ma soprattutto possibile. Ciò che accade nella metropoli milanese lo dimostra…

1

Chi paga il prezzo dei nostri gadget hi-tech?

settembre 11, 2010

Cina, Foxcon: nella fabbrica delle grandi aziende Hi-Tech occidentali dove gli operai vengono pagati 40 centesimi l’ora, dove molti si sono suicidati per i ritmi massacranti e dove, dopo lo scandalo, l’azienda ha dovuto assumere 400.000 (quattrocentomila) nuovi lavoratori. Buon divertimento col vostro fantastico iPad…

1