La sindrome di Stoccolma

dicembre 7, 2011
Tags: ,

Secondo recenti studi dell’ OMS (Organizzazione Militanti Sovversivi) una strana epidemia si sta diffondendo a macchia d’ olio in tutto il pianeta, e credo ti convenga leggere attentamente questo testo, perchè molto probabilmente SEI GIA’ STATO CONTAGIATO PURE TU! Per chi come me è del tutto ignorante in materia medica, la Sindrome di Stoccolma è […]

0

London Calling!

marzo 29, 2011

Non potevo non riportare per intero questo maginifico articolo di Federico Campagna, uscito sul sito di Alfabeta 2. Non c’è nulla da dire di più, penso. Solo sperare che se questa crisi, questi tagli, questa situazione ha smosso la sonnacchiosa Albione, forse c’è qualche speranza pure qui da noi…

2

10-100-1000 Pomigliano/Mirafiori

dicembre 30, 2010

E’ di questi ultimi mesi la rottura interna alla trimurti sindacale – Cgil, Cisl e Uil – in particolar modo in ambito metalmeccanico, con la Fiom – che  di tutte è forse l’unica entità confederale con dei veri iscritti, cioè con dei lavoratori che vedono (vai a sapere perché, ma questo è un altro discorso…) […]

0

Una nuova generazione: famose da parte, please

dicembre 22, 2010

La crisi economica, la crisi politica, i nuovi movimenti. Qualcosa di nuovo, speriamo…

1

Il Patriottismo di meno diritti e bassi salari

ottobre 26, 2010

Piccola premessa. Questo è l’ennesimo scritto di Pietro Ancona che 0spitiamo. Le sue osservazioni ci sembrano molto pregnanti e spiegano con chiarezza le relazioni che intercorrono fra il maggiore (e peggiore) partito di opposizione, il pd, e il maggiore sindacato italiano, la cgil. Con altettanta chiarezza sono esplicitati i rapporti (di forza) fra quest’ultima e la Fiom. Bisogna discernere per capire ed è necessario comprendere per scegliere. Noi abbiamo scelto un punto di vista “precario” (certo, siamo precari/e…) e pensiamo che se non si crea conflitto nei luoghi (e nelle generazioni) ove la precarietà è nata e si è diffusa ogni risposta sarà parziale e farà il gioco di questa o quell’altra organizzazione. Altro che interesse generale! Un conflitto nuovo, radicale, giovane ed incisivo è cosa buona, giusta, ma soprattutto possibile. Ciò che accade nella metropoli milanese lo dimostra…

1

Chi paga il prezzo dei nostri gadget hi-tech?

settembre 11, 2010

Cina, Foxcon: nella fabbrica delle grandi aziende Hi-Tech occidentali dove gli operai vengono pagati 40 centesimi l’ora, dove molti si sono suicidati per i ritmi massacranti e dove, dopo lo scandalo, l’azienda ha dovuto assumere 400.000 (quattrocentomila) nuovi lavoratori. Buon divertimento col vostro fantastico iPad…

1